Blog

Tutte le novità: stay tuned!

I mass media corrompono?

Il tema sarà squisitamente legato al mondo della comunicazione interrogandosi se i mezzi messi a disposizione per veicolare le notizie sono corrompenti o necessari strumenti per comunicare e trasmettere.

mass-media

Tags: Termoli

Dopo la pausa pasquale riprendono, con cadenza quindicinale, gli incontri del Cafè Teologico. Un’esperienza che sta ricevendo tanti consensi lusinghieri comprovati dalla numerosa presenza ad ogni incontro proposto. È un format vincente nella sua formula attuativa e soprattutto negli argomenti esposti. Tutte tematiche attinenti, attuali ma anche graffianti e intriganti nella loro formulazione e, non di poco conto, il fatto che a parlarne siano i massimi esperti nazionali delle singole discipline toccate o degli argomenti proposti.

Il prossimo appuntamento si avrà giovedì 26 aprile 2012 alle ore 20,45 presso la parrocchia termolese di Gesù Crocifisso nei locali messi a disposizione per la realizzazione del "laboratorio per la Nuova Evangelizzazione".

Il tema sarà squisitamente legato al mondo della comunicazione interrogandosi se i mezzi messi a disposizione per veicolare le notizie sono corrompenti o necessari strumenti per comunicare e trasmettere. La Professoressa Annalisa Colzi risponderà alla domanda: “I mass-media corrompono?”. Uso o abuso dei mezzi di comunicazione; strumenti o armi; conoscenza o plagio; libertà di sapere o imposizione commerciale; oligarchia consumistica o opportunità di incontro. In queste esemplificazioni si potrà con l’aiuto della esperta relatrice addentrarsi nel vasto e complicato mondo dei mass-media.

Annalisa Colzi scrittrice è nata a Montemurlo in provincia di Prato nel 1962. Da sempre interessata ai problemi giovanili, ha sentito l'esigenza di compiere uno studio approfondito riguardo alla problematiche legate a questo mondo. Ha pubblicato i testi "Spiritismo, new age, maghi, Sai Baba..." e soprattutto "Come satana corrompe la società", la cui presentazione è stata fatta dal famosissimo padre Gabriele Amorth.

Commenta

Torna indietro
Questo sito utilizza i cookies per fornirti una migliore esperienza di navigazione Leggi tutto...